La Vendetta dei Nani

LA VENDETTA DEI NANI

nord_-_la_vendetta_dei_nani.jpg

 

 Questo è il terzo e penultimo volume della saga scritta dallo scrittore Markus Heitz.
Stavolta gli eroi della Terra Nascosta, fra cui un Tungdil particolarmente depresso e degradato, dovranno affrontare delle minacce terribili e subdole.
Infatti i diamanti fra donati a tutti i sovrani della Terra Nascosta (fra cui è nascosto un artefatto dai terribili poteri) sono presi di mira da due fazioni di ladri…
Una è composta da terribili macchine comandati da mostruosi esseri metà Mezz’orco e metà Albo, mentra la seconda è formata da strani Mezz’orchi e Nani, disposti a tutto ma poco disposti a uccidere.
Alle stragi perpetrate dalle terribili macchine si aggiunge il mistero di una strana isola  in grado di immergersi e sommergersi
Come se non bastasse nelle caverne dello scompaso regno dei Mezz’orchi appare uno dei due Eterni (i sovrani degli Albi), che pare in conbutta con le mostruose macchine, dietro le quali stanno anche alcuni Terzi.
Questo clima di terrore e sospetto è anche alimentato dallo strano comportamento degli Elfi….
Un libro bello come i due che lo hanno preceduto, con la solita pecca di contenere eccessive dosi di violenza, talvolta gratuita.
Consigliato a coloro che già hanno letto gli altri due tomi.

Una volta chiesi a un nano quale creatura, a parte
un nano, avrebbe voluto essere. Gli diedila possibilità
di scegliere tra un possente drago, un mago omniscente
e il suo stesso dio, Vraccas. Il nano mi guardò stupito e disse:
“Il drago verrebbe presto sconfitto dai nani, e infatti
non ne esistono più. Anche il mago verrebbe presto sconfitto
dai nani, e infatti non ne esistono più. E non vorrei
neppure essere Vraccas, perchè non avrei saputo creare
niente di meglio dei nani”.

P.S. scusate il ritardo con cui ho pubblicato, ma ho dovuto comprare il tomo e leggermelo in soli due giorni…perchè non lo avevo ancora comprato…scusate il disguido.

La Vendetta dei Naniultima modifica: 2009-06-14T13:21:00+02:00da medu115
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento